Guida all’acquisto del telefonino cinese e non solo.


Oggi come oggi, l’apertura al nuovo mercato cinese è più che mai un must per ogni appassionato di tecnologia che si rispetti, i tempi sono ormai maturi per poter dire che acquistare un telefonino made in China non è più un irrimediabile azzardo come magari qualche anno fa. Nonostante ciò è sicuramente importate controllare alcune cose prima dell’acquisto.

La prima cosa che mi viene da suggerire è appunto la qualità costruttiva, personalmente mi è capitato di smontare terminali e di trovarmi di fronte a completi “accrocchi” quali saldature al piombo, flat senza connettori direttamente saldate sulla scheda madre, microfoni senza una vera e propria sede e cose del genere.

Quindi il mio suggerimento per evitare problemi del genere è quello di non orientarsi verso prodotti fin troppo economici tipo quei terminali copia iphone o copia di altri telefoni, ma di controllare i modelli di marche meno conosciute in Europa quali Meizu, Xiaomi, Oppo.

 

Non inserisco Huawei perchè ormai è fin troppo nota e i suoi prezzi hanno subito un bel ritocco verso l’alto dopo che sono riusciti a conquistarsi una bella fetta del mercato europeo, anche perchè ormai Huawei rischia di diventare appunto il primo venditore di telefoni al mondo (povera Nokia).

Detto ciò andiamo a vedere come scegliere un bel telefono fra le marche cinesi meno conosciute, quali sono i requisiti per avventurarci in questo acquisto? Cosa è importante controllare?

REQUISITI

  1. Avere il denaro necessario già a disposizione (ovviamente).
  2. Saper concludere pagamenti sicuri del tipo PayPal, Aliexpress e vari.
  3. Saper acquistare online evitando i rischi (visto che molti negozi non sono forniti di questi modelli).
  4. Come ultima spiaggia se non vi sentite sicuri nel fare questi acquisti, provate a domandare a qualche amico, oppure desistete e cercate nei negozi fisici o tramite modi dei quali avete già fiducia (Ebay, Amazon).

COSA CONTROLLARE?

  1. Che il nostro terminale abbia un buon feedback del pubblico, se il modello è troppo nuovo queste valutazioni non saranno sempre disponibili.
  2. Che le specifiche tecniche, oltre all’aspetto esteriore, siano accettabili rispetto ai nostri standard, provate a cercare il processore, controllate di quanto spazio dispone il terminale che volete acquistare, controllate che la fotocamera sia all’altezza delle vostre aspettative magari cercando una foto scattata da qualche precedente acquirente, ecc. Trucchetti del genere vi aiuteranno ad escludere terminali che si potrebbero rivelare deludenti.
  3. Che da qualche parte sulla rete siano disponibili i ricambi più comuni e i loro relativi prezzi può sembrare una stupidaggine, ma spaccare uno schermo e poi vedere che magari il prezzo del ricambio è maggiore del costo del terminale sarebbe davvero una brutta sorpresa…
  4. Che la batteria del terminale che andremo ad acquistare sia di buone dimensioni, mediamente sarà necessaria una batteria di almeno 1800mah per un telefono che abbia uno schermo maggiore di 4 pollici.
  5. Se vi piacerebbe collegare una pennetta USB, una tastiera, un controller, sarebbe meglio che vi informaste se il telefono supporti direttamente l’OTG.

Detto questo, che spero sia un discorso valido per la maggior parte dei lettori, potete andarvi a fare una lista di una decina di terminali che stiano all’interno del vostro range di spesa e scrivere i loro pro e i loro contro secondo il vostro personale giudizio, poi andate ad esclusione controllando le sue caratteristiche, fino ad arrivare al vostro prescelto.

Questo è scegliere un buon telefono cinese e queste regole magari si possono applicare a qualsiasi altro modello anche delle marche più blasonate e conosciute.